PREMIO LORENZO CLARIS APPIANI, I NOMI DEI VINCITORI PER LA TRADUZIONE LETTERARIA

Scritto da Elba Book FestivalGiovedì, 20 Giugno 2019 14:11

Sono stati resi noti i nomi dei vincitoridel Premio Lorenzo Claris Appiani per la traduzione letteraria. La Giuria, composta da Roberto Francavilla (Università di Genova), Roberto Mulinacci (Università di Bologna), Maria Antonietta Rossi (Università per Stranieri di Siena), Liana Tronci (Università per Stranieri di Siena) e presieduta da Lucinda Spera (Università per Stranieri di Siena) ha assegnato il primo premio all’opera teatrale L’Aspirante gentiluomo dell’autore portoghese secentesco Francisco Manuel de Melo (1608-1666), pubblicata da Vittoria IguazuEditora e tradotta da Sofia Morabito e Valeria Tocco. Il secondo premioè stato assegnato all’opera narrativa La passione dello scrittore contemporaneo portoghese Benigno José Mira de AlmeidaFaria (1943) tradotta da Marco Bucaioni e pubblicata da Edizioni dell’Urogallo.

La Giuria ha infine attribuito una menzione speciale all’opera > Photomaton&vox < dell’autore portoghese Herberto Helder (1930-2015), tradotta da Gaia Bertoneri e pubblicata da Miraggi edizioni.

La cerimonia di premiazione avverrà durante la prima serata di Elba Book Festival, il 16 luglio a Rio nell’Elba alle ore 18.45. I vincitori, oltre al riconoscimento in denaro, riceveranno un orologio firmato da Locman, un’eccellenza dell’orologeria italiana, nata proprio sull’Isola d’Elba. Il valore del tradurre e la qualità dei testi premiati emergono dai commenti dei componentidella giuria.A seguire, alle ore 22, un omaggio alla musica portoghese/brasiliana, a cura del Festival Intonazione, con la cantante Lula Pena.

Premio Lorenzo Claris Appiani,  i nomi dei vincitori per la traduzione letterariaIl senso e il valore del premio Lorenzo Claris Appiani nelle riflessioni dei componentidella giuria.
“Con le traduzioni dal portoghese – afferma Lucinda Spera, Presidente della Giuria (Università per Stranieri di Siena) – siamo quest’anno alla quarta edizione del Premio Lorenzo Claris Appiani. Consapevoli della nostra mission – insistere sul significato etico della traduzione quale strumento di contatto e di dialogo tra immaginari e culture diverse e valorizzare il lavoro del traduttore, che di questo significato si fa portavoce – sono convinta che l’evento collabori non solo a porre il focus, di volta in volta, sulla specifica lingua scelta, ma anche, in una prospettiva più ampia, a diffondere le letterature straniere in Italia. L’individuazione del portoghese, per l’edizione 2019, è stata certamente una scelta vincente per l’elevato valore delle opere in concorso: attualmente sesta lingua più parlata al mondo, la sua produzione è del resto nota al pubblico italiano per le traduzioni di autori quali José Saramago e Paulo Coelho.”

“Il portoghese, attualmente lingua ufficiale in 9 Paesi appartenenti a 4 continenti, quali Portogallo, Brasile, Angola, Capo Verde, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, SãoTomé e Príncipe, Mozambico e Timor Est, è il sesto idioma più parlato al mondo – spiega Maria Antonietta Rossi (Università per Stranieri di Siena) –, il cui insegnamento come Lingua Seconda o Lingua Straniera si sta ampiamente diffondendo in istituzioni scolastiche e accademiche sia europee, sia extra-europee. L’espansione ad ampio raggio di questo idioma ha permesso anche la conoscenza delle diverse letterature di espressione lusofona che si sono originate nelle nazioni appartenenti alla Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese (ComunidadedosPaíses de LínguaPortuguesa). Autori come il portoghese José Saramago, premio Nobel per la letteratura nel 1998, il brasiliano Paulo Coelho, il mozambicano Mia Couto, l’angolano José Eduardo Agualusa e il capoverdiano Germano Almeida sono oggi noti al pubblico italiano attraverso le traduzioni delle rispettive opere pubblicate da case editrici che vogliono diffondere in Italia le opere letterarie del mondo lusofono ancora inedite, in modo da creare un ponte fra le due culture. Tale attività di traduzione editoriale è in forte espansione ed è promossa da case editrici sia rinomate, come Einaudi, Feltrinelli, La Nuova Frontiera e Voland, sia specializzate nelle traduzioni di opere di autori moderni e contemporanei dell’area lusofona di fama internazionale, quali Cavallo di Ferro, Urogallo e la recente Tuga Edizioni. Dato il crescente interesse per la letteratura lusofona da parte del pubblico italiano, l’edizione 2019 del Premio Appiani è stata riservata a traduzioni dal portoghese di opere di narrativa, di poesia e di teatro al fine di incentivare la diffusione di queste nel nostro tessuto sociale.”

 

La giuria ha deciso di assegnare il primo premio all’opera teatrale L’Aspirante gentiluomo dell’autore portoghese secentesco Francisco Manuel de Melo (1608-1666), pubblicata da Vittoria IguazuEditora e tradotta da Sofia Morabito e Valeria Tocco, che insieme hanno saputo trasporre con abilità linguistica ed espressiva il testo seicentesco nella nostra cultura d’arrivo adottando strategie di traduzione che mantengono viva l’attenzione del lettore. Il secondo premio, invece, è stato assegnato all’opera narrativa La passione dello scrittore contemporaneo portoghese Benigno José Mira de AlmeidaFaria (1943) tradotta da Marco Bucaioni e pubblicata da Edizioni dell’Urogallo. Grazie alla finezza interpretativa e alla spiccata capacità espressiva, Marco Bucaioni ha saputo trasmettere al lettore italiano la sfera emotiva e irrazionale dei molteplici ed eterogenei personaggi che si manifestano nella loro quotidianità attraverso i loro flussi di coscienza, rendendo accattivante la lettura nella lingua di arrivo. Infine, la Giuria del Premio Lorenzo Claris Appiani 2019 ha ritenuto opportuno attribuire una menzione speciale, per l’altissimo livello della traduzione, all’opera Photomaton&vox dell’autore portoghese HerbertoHelder (1930-2015), tradotta da Gaia Bertoneri e pubblicata da Miraggi edizioni.”

“Il Premio Lorenzo Claris Appiani valorizza non solo l’arte della traduzione, una delle più alte forme di dialogo culturale fra paesi di lingua diversa, ma anche il prezioso lavoro dell’editoria indipendente, che arricchisce tale dialogo coltivando alacremente la bibliodiversità – osserva Ilide Carmignani, traduttrice e madrina del premio, che presenzierà alla cerimonia di premiazione -. L’edizione di quest’anno, dedicata all’area lusofona, esplora le letterature della seconda lingua romanza del mondo, 240 milioni di parlanti distribuiti su quattro continenti, un panorama ricco e vivace che affascinerà i lettori italiani.”

 

“Da quattro anni il premio “Lorenzo Claris Appiani” riconosce il prezioso lavoro di mediazione linguistica e culturale dei traduttori letterari – conclude Roberta Bergamaschi, del comitato organizzatore di Elba Book Festival -, che rendono accessibili al grande pubblico opere contemporanee di paesi europei e non, e con esse altri mondi, altre visioni della vita. Dopo l’arabo, il russo e il cinese, quest’anno il riconoscimento è assegnato a traduzioni dalla lingua portoghese, una scelta concordata con la famiglia Appiani e l’Università per Stranieri di Siena. La letteratura lusofona è dunque protagonista della nuova edizione di Elba Book, dedicata ai luoghi, alla loro diversità, nel tentativo di ricordare che la marginalità geografica non è mai una marginalità tout-court, ma un riferimento fatto di parole “altre” da cuiparte sempre lo stesso viaggio dentro l’uomo.”

 

Per restare informati sugli eventi in programma nella nuova edizione di Elba Book Festival, potente consultare il sito https://www.elbabookfestival.com/ ; la pagina facebook https://www.facebook.com/Elbabookfestival/ ; profilo Instagram https://www.instagram.com/elbabookfestival/