d’Amore. di Rabbia. di Te

Golem,

15,00

 

Quando Miraggi mi chiese d’incominciare a lavorare sulla seconda raccolta di racconti e poesie, io ero ancora lì, a gongolarmi con
la copertina di: Non ho ancora ucciso nessuno. Il nostro colloquio in quei giorni andò grosso modo, così:
– Andrew, siamo felici di comunicarti il lancio del tuo secondo lavoro.
– Sono contento. Davvero. Ma nello specifico di chi parliamo?
–Dite.
– Ah.
Quanto ti manca per inviarci una prima bozza?
– Una vita e mezza. Forse due.
– Ecco. Volevamo dirti che disponi, a partire da oggi, di circa tre mesi per consegnarci il lavoro finito.

Data di pubblicazione 2017
Formato 14.5X21
Numero di pagine 160
ISBN 9788899815325

Nella mia vita mai avrei pensato di poter pubblicare un libro.

Forse due.
Ma uno, seriamente, no.
Non ha molto senso questa cosa qui, starai pensando.

Ma non avrei scelto di fare il poeta se avessi amato così tanto la ragione.

Dunque mettiti comodo e stappati una birra.

Che intanto ti racconto.

Quando Miraggi mi chiese d’incominciare a lavorare sulla seconda raccolta di racconti e poesie, io ero ancora lì, a gongolarmi con la copertina di: Non ho ancora ucciso nessuno.
Il nostro colloquio in quei giorni andò grosso modo, così:
Andrew, siamo felici di comunicarti il lancio del tuo secondo lavoro.
Sono contento. Davvero. Ma nello specifico di chi parliamo?
Di te.
Ah.
Quanto ti manca per inviarci una prima bozza?
Una vita e mezza. Forse due.
Ecco. Volevamo dirti che disponi, a partire da oggi, di circa tre mesi per consegnarci il lavoro finito.
Quella stessa sera conobbi i meravigliosi effetti della passiflora, della melissa, della valeriana e del biancospino.
Una nuova copertina.
Un nuovo titolo.
Tante nuove poesie.
Non ero pronto.
Per questo risposi: va bene.
Si sappia ch’io amo molto quelle splendide canaglie di Miraggi Edizioni.
Sono diventate per me una seconda famiglia.

Chiunque le incontri sappia d’esser stato fortunato.
E soprattutto me le saluti.
In questi 11 mesi il tempo si è divertito a rincorrermi.

Treni, coincidenze, stanze d’albergo fatiscenti, notti in bianco, extrasistole, Madonne, abbracci, baci sulla faccia, dimostrazioni d’affetto spietate, personaggi bizzarri, numeri divenuti persone e persone divenute realtà.
Mi ricordo quando giunsi a Milano per la prima volta.

Ero all’Arci Bellezza.
Mi tremavano le gambe nemmeno fossi stato davanti a Charles Bukowski in persona.
A proposito di Charles Bukowski.
Ultimamente ci siamo incontrati almeno in un paio d’occasioni e debbo dire, è stato tutto molto bello.
Ne parlo ampiamente a pagina x e y

Ah sì, quasi dimenticavo.
Come sempre troverai tributi e citazioni sparsi in giro per l’inchiostro.
E’ più forte di me. Quando qualcuno mi strappa il cuore, corro sempre a ringraziarlo.
In particolare a pagina x troverai un breve racconto intitolato OCEANO MARE.
Leggilo con attenzione.

Cos’altro dirti mio caro e attento lettore?
Se stai scorrendo con gli occhi queste righe significa che io e te ci siam dati una seconda possibilità.
Lasciatelo dire, sei più pazzo di me.

Era buona la tua birra?
La prossima volta offro io.
Ci vediamo in giro per l’Italia.

(I numeri delle pagine non avendoli a disposizione li ho inseriti come x y z)

____________________________

– Vorrei avere te, per cena.
– E’ una minaccia?
– No. É che da un po’ ci pensavo.
– Pensavi a me sulla tua tavola?
– Diciamo che m’increspi il desiderio.
– Dillo meglio.
– Quando ti penso mi salgon le Madonne. E dalla voglia di vederti a quella di mangiarti. A quel punto. È un attimo.
– Capisico. Ma per essere un invito irrinunciabile, converrai, dev’esserci qualcosa di poetico.
– Fammi essere il Baudelaire delle tue tenebre.
– Di più.
– Il Bukowski dei tuoi orgasmi.
– Ancora.
– Il Dostoevskij delle tue notti bianche.
– Tutte?
– Tutte.
– Dormo poco. Sono molte.
– Lo sarò a tempo pieno.
– Sono indigesta.
– Ho uno stomaco sensibile.
– Del tipo?
– Digerisco solo meraviglie.

 

Per conoscere meglio Andrew Faber

www.andrewfaber.it

andrew faber blog

Pubblicato da Andrew Faber su Giovedì 8 dicembre 2016

 

 

Andrew Faber

Andrea Zorretta (Roma 1978) - per i nemici Andrew Faber - nasce a Roma in tempi non sospetti. Selvaggiamente influenzato dagli innumerevoli viaggi compiuti a bordo di una punto 1.2 a GAS unitamente all’amore per il tempo perso, decide un giorno di dare una svolta alla sua vita, incominciando un percorso di psicoterapia intensiva. Non potendo più permettersi dopo poche sedute l’onerosa parcella dello spregevole psicologo, nel freddo inverno del 2013, inizia a scrivere poesie. Ha pubblicato di­versi racconti per la casa editrice Gemma Edizioni, comparendo nelle raccolte uomini su carta ed {n}vite. Pubblica nel 2016 con Miraggi Edizioni un libro dal titolo confortante: Non ho ancora ucciso nessuno, che in poche settimane giunge alla centottantottesimilionesima ristampa rendendolo, di fatto, più ricco del Cardinal Bagnasco. Tiene reading e concerti presso circoli letterari, teatri, scuole, bagni pubblici e non, in un tour costante che abbraccia per intero lo stivale. Sogna spesso di parlare con Charles Bukowski. In tanto sono 80 000 i suoi followers. Collabora con il format online ArtSpecialDay, curando una rubrica settimanale di poesia. Tiene reading e concerti presso circoli letterari, teatri, scuole e bagni pubblici, in un tour costante che abbraccia per intero lo Stivale, accompagnato all’occorrenza dal Maestro – nonché amico di vecchia data – Giorgio Amendolara. A dicembre 2016 è il momento du un successo a teatro con Marco Mazzocca in P-Factor (di Faber-Mazzocca-Sarcinelli).