Di traverso

Golem,

14,00

La forza di una donna che con la poesia guarda e ci lascia guardare impietosamente la sua vita.

E illumina la nostra.

Guardava di traverso
di traverso vestiva
e il da mangiare ed il bere
le andava di traverso. Quando fece l’amore
lo fece di traverso
e scrisse di traverso
il primo e il secondo verso e tutti quelli a seguire
per essere coerente.
E al lavoro il contratto
lo firmò di traverso,
quando la licenziarono
li guardò di traverso,
e se ti avvicinavi
ti girava le spalle,
e se un bacio le davi
la lingua di traverso
metteva, perché subito capissi come sarebbe stato
l’intero universo con lei:
di traverso.

Data di pubblicazione 2017
Formato 14.5X21
Numero di pagine 160
ISBN 9788899815394

 

L’amore, l’abbandono, l’autostima e la fragilità, le nevrosi e l’inadeguatezza, la ricerca della felicità, o almeno di un po’ di pace.
Tutto l’universo della vita di una donna visto con con la lente magica e rivelatrice della poesia.

Allegra, triste, sciocca, esaltata, innamorata, depressa, rassegnata, placida, a volte addirittura saggia.
Indecifrabile, con l’umore instabile, disposta a pagare il prezzo di venti chili in più per pochi mesi di pace chimica, ma pur sempre felice per la quarta di reggiseno che solo un buon antipsicotico può donare.
Lavoratrice instancabile, casalinga infelice, madre piena di sensi di colpa, una e trina ma comunque insoddisfatta e sempre in cerca della quarta donna che non trova, se non tra le braccia dell’uomo che riesce nell’ardua impresa di farla innamorare.
Sempre e comunque di traverso, finché non arriva un verso e poi due e poi tanti; versi che finiscono per essere l’unica vera cura al malessere di essere nata donna, di dover contenere tutto questo caos in una sola vita e in un solo corpo.
“Di traverso” è il ritratto in versi di tutte le donne, del loro sguardo sul mondo, della loro malinconica, complicatissima ricerca della felicità.

Letizia Bruni

Letizia Bruni è nata a Cagliari nel 1969. Psicoterapeuta per necessità, poetessa per vocazione, depressa per sempre, coltiva l'arte del pessimismo con passione, tenacia e ironia, saltando con fatica e impegno gli ostacoli della vita, e cercando di evitare gli inciampi inevitabili.. Questa è la sua prima raccolta di poesie ma non è affatto detto che sia l'ultima. saltando con fatica e impegno gli ostacoli della vita, e cercando di evitare gli inciampi inevitabili.