.Lié.

Golem,

12,00

 

.Lié. è il libro che porta il suo nome. Se dovessimo pensare a un album musicale Lié Larousse sarebbe una cantante ammaliatrice come quelle dotate di una scintilla ispiratrice viva, come Cristina Donà o la recente Levante. Lié però gioca con le parole, non è un’esordiente ma una promettente creativa e folle autrice/attrice che scrive anche su LibroArbitrio blog seguito da migliaia di lettori. Noi abbiamo creduto nella sua follia narrativa e nel suo modo d’essere e siamo certi che ci sorprenderà in questo nuovo viaggio insieme. Nota ai più per il progetto Duediripicca a quattro mani con Gianluca Pavia che non a caso pubblichiamo nello stesso momento e non a caso andranno in giro insieme per librerie, club e piccoli teatri.

Data di pubblicazione 2017
Formato 14.5X21
Numero di pagine 112
ISBN 9788899815424

 

Prefazione all’opera poetica e fotografica .Lié.

In questa raccolta lo stile originale dell’autrice è un bisturi che scivola lungo il tessuto del quotidiano, pronto a sezionare via vividi istanti raccontati dal brusio di un mercato affollato come dagli angoli più bui, della strada o dell’animo umano fa poca differenza. Una carrellata a velocità ed intensità alternate, che non disdegna alcuna sfaccettatura, mettendo a fuoco uomini e donne, sogni, ansie, fondi rotti e bicchieri vuoti; sempre a caccia di una bellezza invisibile quanto l’essenziale. Sono pagine semplici, perché Lié scrive come vive, come cogliere fiori in un campo minato. Allora le emozioni possono esplodere da un momento all’altro, nascoste nel cuore di una bambina astronauta o negli avanzi che mutano in frigo, disseminate tra le righe a braccetto con gli scheletri e le speranze che ognuno seppellisce in sé stringendo i denti per fingere che la vita sia quel che sia, illudendosi di poterci sopravvivere ancora. O forse è proprio questo romantico illudersi a darci la forza per dare un senso a questa vita ingarbugliata, che scivola via troppo velocemente senza curarsi delle cicatrici che lascia dietro di sé. Perché, come scrive l’autrice, la realtà è forse un inferno, ma l’inferno è un buon posto dove vivere e morire.
di Gianluca Pavia
.a volte,
per quelli come noi,
l’inferno è un buon posto
dove vivere e morire.
.l’amore sono io.

.da me fuggono
non prima
d’avermi annusata fin dentro le ossa
non prima
di essersi curati da ogni male
e riapparire
poi
al prossimo dolore
con il loro cuore
per me
pieno d’amore.

Per conoscere meglio Lié Larousse

https://libroarbitrio.wordpress.com/lie-larousse-2/

https://www.facebook.com/lie.larousse

Lié Larousse

Lié Larousse nasce in un circo itinerante tra stoffe di taffetà ruvida seta in baco e carta straccia. Non sa che giorno fosse né l’anno né la direzione che prese il treno, forse spinto sulle rotaie dal canto stridulo di ogni palpitante sterzata o forse dalle urla del parto di un’ipotetica madre immaginata sotto ogni forma. Quel che è certo, è che, quell’ammasso di ferro legna e carne in transito era vivo, colmo di saltimbanchi, clown, bestie, lustrini e paillette. Oggi, autrice a quattro mani con lo scrittore Gianluca Pavia del libro POKER D’INCUBI è in tour per la sua presentazione. con il progetto DUEDIRIPICCA :Gianluca Pavia e Lié Larousse, autori visionari e sperimentatori di filosofie scomode, liberi dalla scrittura di genere scrivono racconti, romanzi e poesie, a due, e a quattro mani, creano la prima mostra itinerante di poesia su tela; collaborano con riviste letterarie, pittori, musicisti, e registi. A livello nazionale promuovono ed organizzano eventi artistici culturali. Potete seguire i loro lavori sul sito www.libroarbitrio.com, e alla pagina facebook DuediRipicca, Instagram, e Paperblog Lié è vincitrice del premio Tell book your story di Dacia Maraini e del premio Festival delle due Rocche con Gianluca Pavia sempre premio indetto dalla Maraini Al momento sono impegnati in tutta Italia come ospiti a festival di cultura e narrativa e con il reading live tour. www.libroarbitrio.com