Passa a sorprendermi

Golem, poesia

7,9914,00

 

Gio Evan usa la scusa delle poesie per spalancare le porte di un’immaginazione non violata e invitarci nel mondo del surreale, dell’incredibile, della meraviglia, della sorpresa.

Con acquisto min. di 19€ SPEDIZIONE GRATUITA

Svuota
Data di pubblicazione 2016
Formato 14/21
Numero di pagine 144
ISBN 9788896910870

Gio Evan cambia indirizzo ai luoghi comuni, sovverte il senso delle frasi fatte e dei modi di dire, obbligando il vocabolario alla sfida dell’improbabile. Propone impe­gna­tive mescolanze verbali per provare quanti agganci lessicali vivono e aspettano di essere messi nuovamente in vita. Gio Evan usa la scusa delle poesie per spalancare le porte di un’immaginazione non violata e invitarci nel mondo del surreale, dell’incredibile, della meraviglia, della sorpresa.
Il palco su cui si muove è asciutto e minimalista, lascia spazio sufficiente al vero protagonista: il pensiero non pensato. Gio Evan non è altro che la movenza creativa della lingua, dove filosofia e gioco e poesia si alleano per esprimere la potenzialità di vivere molteplici vite.
– Mi vuoi sposare?
– No

– Davvero no?
– Sì davvero no, non voglio sposarmi.

– Perché non mi ami?
– Sì che ti amo ma non voglio che ci sposiamo, ecco se vuoi possiamo levare la S e ci “posiamo”.

– Ci posiamo?
– Sì ci posiamo, su un bel prato di fiori magari, e dopo potremmo, se ti va, levare anche la P e così ci “osiamo”.

– Ci osiamo?
– Sì, perché no, il prato di fiori, io e te che osiamo di noi, e magari quando i sudori saranno diventati un odore solo, leviamo anche la O, così rimane il “siamo”.

– Il siamo?
– Sì il siamo, la presenza, e una volta diventati una cosa sola, consapevoli, leviamo anche il SI per dare la nostra conferma al cielo, e tra noi rimarrà solo e per sempre “amo”.

– Allora ricapitoliamo: sposiamo, posiamo, osiamo, siamo e amo. giusto?
– Giusto.

– Lo voglio.

 

VideoVirale

Gio Evan

Gio Evan è nato in Italia nel 1988. Scrittore, poeta e performer, ha pub­blicato con Narcisuss La bella maniera (2014) e Teorema di un salto (2015). www.gioevan.it – Mi vuoi sposare? – No – Davvero no? – Sì davvero no, non voglio sposarmi. – Perché non mi ami? – Sì che ti amo ma non voglio che ci sposiamo, ecco se vuoi possiamo levare la S e ci “posiamo”. – Ci posiamo? – Sì ci posiamo, su un bel prato di fiori magari, e dopo potremmo, se ti va, levare anche la P e così ci “osiamo”. – Ci osiamo? – Sì, perché no, il prato di fiori, io e te che osiamo di noi, e magari quando i sudori saranno diventati un odore solo, leviamo anche la O, così rimane il “siamo”. – Il siamo? – Sì il siamo, la presenza, e una volta diventati una cosa sola, consapevoli, leviamo anche il SI per dare la nostra conferma al cielo, e tra noi rimarrà solo e per sempre “amo”. – Allora ricapitoliamo: sposiamo, posiamo, osiamo, siamo e amo. giusto? – Giusto. – Lo voglio.

Gio Evan, il poeta della fragilità. La recensione su La Ringhiera

  Gio Evan sale sul palco del Villanova per il suo nuovo spettacolo “INOPIA“. E la maggior parte del pubblico…