Poema bianco

Scafiblù,

14,00

 

 

Una storia, un romanzo di voci, in fondo, questo Poema, scritta da un personaggio che non vuole che lo si chiami poeta, né scrittore, né tanto meno paroliere (per quanto in una delle sue vite artistiche sia autore dei testi degli ultimi 5 splendidi dischi di Lucio Battisti, di Zucchero Fornaciari, Minghi, Mietta, Cocciante e tanti altri…).
Un capolavoro oltre i confini delle definizioni, irreperibile da tempo e ora ripubblicato in volume: un regalo di Pasquale Panella, che da anni si sottrae alla pubblicazione, a un mondo editoriale in cui non crede (ma forse non del tutto ai lettori, che lo reclamano).

 

Voce notevolissima, sopraffina,  che non si avvita in sperimentalismi, parlando piano (in tutti i sensi) e con forza, torna in libreria solo per una serie di combinazioni (e grazie ai fiancheggiatori, prefatore e postfatore, Lucio Saviani e Francesco Forlani), dandosi nel piccolo prezioso progetto di “opere di contrabbando” Scafiblù, gemello italiano di Tamizdat.

Data di pubblicazione 2017
Formato 13,5x19
Numero di pagine 144
ISBN 9788899815547

 

Poema bianco è un testo che vorrebbe farsi bianco come la pagina su cui è scritto, restare i pensieri che rimbalzano nella testa ripensando alla fine di un amore. Una storia, un romanzo di voci in fondo questo poema, scritta da da un personaggio che non vuole che lo si chiami poeta, né scrittore, né tantomeno paroliere: Pasquale Panella, che da anni si sottrae alla pubblicazione, a un mondo editoriale in cui non crede (ma forse non del tutto ai lettori, che lo reclamano). Voce notevolissima, sopraffina ma che non si avvita in sperimentalismi, parlando piano (in tutti i sensi) e con forza, è solo per una serie di combinazioni che torna in libreria, fidandosi del piccolo prezioso progetto di “opere di contrabbando” Scafiblù, gemello italiano di Tamizdat.

QUARTA (di Pasquale Panella):

Un poema, nodi e scioglimenti di nodi di parole scritte qui a parole veramente inascoltabili, semplicemente apparse alla pagina, non per miracolo ma, appunto, per semplicità, senza mediazione. “Chiacchiera della mente”, la “fine di un amore” come fine ovvero testo, detto-fatto, fatto-scritto, scritto-detto da lei in soliloquio ossia non sotto gli effetti del poetico, anzi finalmente con dispensa dall’utilizzare questi effetti. Così, tolti gli effetti, è prepoetica, la voce. Resta un’unica enfasi: la parola “poema”. Nel senso che la cosa, a raccontarla, sarebbe un poema. “Poema” è un come si dice. Come si dice “la mia vita è un romanzo” se fosse una vita, se fosse un romanzo. Così, ingenuamente, come, appunto, è ingenuo il soliloquio, che è un’intimità. E affonda nel bianco. Virando poi, magari, al bianco anche il testo di contro il bianco della pagina. Qui scritto in nero, perché così si sa cosa virare.

Per conoscere meglio Pasquale Panella

Pasquale Panella

Pasquale Panella (Roma 1950) ha pubblicato romanzi (La corazzata e Oggetto d’amore, Minimum Fax), alcune raccolte poetiche ed è molto noto come paroliere. Hanno cantato i suoi testi, tra gli altri, Lucio Battisti, per cui ha scritto gli ultimi cinque album, Enzo Carella, Amedeo Minghi, Mietta, Mango, Zucchero, Cocciante (per il quale ha scritto la versione italiana del musical Notre dame de Paris, e Giulietta e Romeo). Parecchie le canzoni di successo, anche al festival di Sanremo. Poema bianco, pubblicato nel 2008 (IriEd), è stato ripubblicato in e-book nel 2017 dallo stesso autore (SpEdizioni), ampliato e modificato, a cui corrisponde la presente edizione cartacea.

Poema bianco: la recensione di Nicola Vacca su senzaudio.it

Pasquale Panella non si definisce uno scrittore, ma neanche poeta e paroliere. Rinuncia a qualsiasi etichetta, però non declina mai…

“Poema bianco”: la recensione di Anna Vallerugo su scriveresenzaparole.com

Villasanta mi provoca, chiedendomi di scrivere di scrittori che scrivono “da donna”. Questa è domanda che potrebbe suscitare levate di…

“Poema bianco”, un montaggio di negazioni autentiche fino alla purezza: la recensione di Isabella Cesarini su 900letterario.it

Pubblicata per la prima volta, e in poche preziosissime copie, nel 2007 per le edizioni IRI, è uscita a dicembre…

“Poema bianco”: la recensione di Lorenzo Mazzoni su ilfattoquotidiano.it

Poema bianco, di Pasquale Panella (contributi di Lucio Saviani e Francesco Forlani; Miraggi Edizioni), è un soliloquio poetico che prende…