Quello che dice una cameriera

Golem,

12,00

È evidente che con l’amore abbiamo a che fare, e che tra i baci, le api e il mare, viene fuori evidentemente che Nicola ha letto (e tradotto!) tante cose provenienti dal Nord America.

Ruote, strade, rossetti, ciondoli e cappelli, e l’oceano, il motel.

Come col suo romanzo Colazione da Hadelman (Aliberti), sembra di trovarsi proprio al centro di quell’oceano, a metà strada tra le traduzioni dei suoi favoriti e la nostra provincia padana.

Gran bel viaggio, ne sono convinto.

Marco Petrella

Data di pubblicazione 2017
Formato 14.5X21
Numero di pagine 112
ISBN 9788899815288

Microstorie in poesia nello stile della grande letteratura americana, mescolato al sapore della pianura padana.

 

Quarta, dell’illustratore della copertina, Marco Petrella:

Into the ocean
Qualche anno fa provai a rileggere “Tarantula” di Bob Dylan. Lo portai in vacanza con l’intenzione di trasformarne qualche pagina in tavole illustrate, ma la spiaggia e il sole non andarono molto d’accordo con il delirio psichedelico. Rimasero solo pochi schizzi a matita su un taccuino.
Quando Nicola Manuppelli mi ha spedito la sua raccolta in bozza e ho letto la prima poesia, gli ho scritto subito che mi ricordava Dylan e un po’ anche Richard Brautigan (beh, in effetti vedo Brautigan dappertutto).
Due mesi dopo, il ragazzo/poeta si è sposato ed è fuggito per la luna di miele negli States, per tornare a visitare i suoi eroi. Ecco, credo che questo libro avrebbe potuto chiamarsi anche “Before the honeymoon”, parafrasando il disco dal vivo di Bob. Dunque, è evidente che con l’amore abbiamo a che fare, e che tra i baci, le api e il mare, viene fuori evidentemente che Nicola ha letto (e tradotto!) tante cose provenienti dal Nord America.
Siano benedetti i bar aperti di notte. Laggiù, dove si vede quella luce, tra gli alberi, qualcuno ancora balla.
È li che si sono raccontati, all’alba, sotto la luna. Posti dove bere e ridere.
Ruote, strade, rossetti, ciondoli e cappelli, e l’oceano, il motel.
Come col suo romanzo “Colazione da Hadelman”, sembra di trovarsi proprio al centro di quell’oceano, a metà strada tra le traduzioni dei suoi favoriti e la nostra provincia padana.
Gran bel viaggio, ne sono convinto.

Marco Petrella

Chuck Kinder su Nicola Manuppelli poeta:

“Dove vivo io, Nicola Manuppelli è considerato l’Elvis della poesia italiana. Indossa sempre giacca e camicia migliori, e scarpe nuove di camoscio blu, tutte le volte che porta fuori le poesie a ballare. Le sue seducenti poesie fanno oscillare i fianchi, scuotono i folti, selvaggi capelli al ritmo caldo della band; e conoscono i passi giusti, puoi scommetterci, i passi più raffinati che si siano mai visti su una pista. Beh, certe volte Nicola, da vero Elvis Fuorilegge dell’Amore, si mette quelle scarpe nuove di camoscio blu solo per portare le poesie a fare un giro in macchina, nelle dolci sere d’estate, sotto una luna che scoppia di romanticismo. Percorre in loro compagnia quelle stradine tipiche degli amanti, dove la luce della luna disegna su quei visi graziosi dolci ombre attraverso le foglie che frusciano, lì, su quelle strade secondarie di campagna, dove il nostro Elvis ferma l’auto e rimane in compagnia delle proprie poesie, per accarezzarle e … tentare di farsi strada fra le loro mutandine. Perché Nicola è un Elvis Fuorilegge dell’Amore. E le poesie lo amano per questo. E così rinunciano alle proprie virtù allegramente, in cambio di queste sue canzoni che si fanno strada nei loro cuori agitati, scossi e … rimbombanti di romanticismo.

Da un grande fan di Nicola”

Chuck Kinder

 

Per conoscere meglio Nicola Manuppelli

Tradurre per scrivere – una chiacchierata con Nicola Manuppelli

Nicola Manuppelli

Nicola Manuppelli è nato a Vizzolo Predabissi nel 1977. Scrive, traduce, cura, scopre e “importa” autori americani e irlandesi (fra i quali Andre Dubus, Charles Baxter, Jane Urquhart, Roger Rosenblatt, A.B. Guthrie, Sara Taylor, Gina Berriault, Don Robertson). Collabora, fra gli altri, con Mattioli, Minimum Fax, Nutrimenti, Aliberti. Suoi articoli sono apparsi su Chicago Quarterly, Numéro, D di Repubblica, Satisfiction, Il Primo Amore, IBS Café. Diversi suoi racconti sono inseriti in antologie italiane e americane. Esordisce come romanziere nel 2014 con “Bowling” (Barney Edizioni). Dello stesso anno la prima biografia italiana di Alice Munro, “La fessura”, pubblicata da Barbera Editore. Dal 2016 conduce il programma radio “I fuorilegge” con Claudio Marinaccio e dirige una collana omonima di letteratura americana e italiana. Nel 2016 il nuovo romanzo, il noir “Merenda da Hadelman” (Aliberti). È biografo ufficiale dello scrittore americano Chuck Kinder. All'uscita del libro, partirà per un tour insieme con Claudio Marinaccio (in questo lancio), ripetendo l'esperienza di successo precedente dei loro due romanzi con Aliberti