Ricomincio da uno

Golem,

7,4914,00

I video di Nadalo incantano il web www.gianlucanadalini.it

“Non c’è più quel negozio di fiori che ti piaceva tanto, ricordi? Tutte le volte che passavamo ti fermavi a guardare la vetrina, dicevi che era tutto perfetto, e che per ogni vaso sulle mensole c’era un posto preciso. Adesso è vuoto, la vetrina rovinata da qualche stupida scritta, all’interno soltanto polvere e qualche asse di legno appoggiata al muro ormai scrostato, e sul pavimento qualche pezzo di carta. Non sono triste, la vita cambia e ogni giorno insegna qualcosa, stamattina per esempio, davanti a quella vetrina, ho capito l’importanza di essere almeno un posto, l’importanza di costruire mensole per i ricordi e metterci sopra anche un po’ di speranza.”

Gianluca Nadalini

Con acquisto min. di 19€ SPEDIZIONE GRATUITA

Svuota
Data di pubblicazione 2019
Formato 14.5x21
Numero di pagine 144
ISBN Cartaceo: 9788833860152 Ebook: 9788833860541

Le poesie sono piccole storie quotidiane che provano a raccontare emozioni.
Così, anche la pizzeria sotto casa diventa un set per restituire alla realtà un po’ di magia.
Storie di ragazzi che si intrecciano per le stradine di Bologna, storie di lampioni nei giardini, di primavere e inverni, di termosifoni con i calzetti lasciati ad asciugare sopra, storie che prendono e perdono treni, che volano a Parigi a NYC a Barcellona o restano immobili sulle seggiole di una sala d’aspetto ad aspettare poi chissà che!
È un libro di poesie da leggere con gli occhi, con il naso, con i capelli, con le mani, con le labbra, ma sopratutto con il cuore.

Per conoscere meglio Gianluca Nadalini

> Youtube    > Instagram    > Facebook

 

 

Gianluca Nadalini

Gianluca Nadalini detto Nadalo, nasce a Bologna troppi o pochi anni fa. Da sempre scrive poesie ispirandosi alla sua città e alle vicende di tutti i giorni. Ogni tanto dipinge, ogni tanto fotografa e ogni tanto resta in disparte a mangiare noccioline cercando di raccontare qualcosa prima di tutto a se stesso. Questo è il suo primo libro. Non è stato invece possibile risalire alla data della sua prima birra.