L’estremamente magico

Golem, poesia

12,00

 

Scoperto da un professore di letteratura greca alla Normale di Pisa.

Un Ulisse contemporaneo sulle Alpi Apuane.

Con acquisto min. di 19€ SPEDIZIONE GRATUITA

Data di pubblicazione 2013
Formato 14,5/21 carta palatina 85 gr
Numero di pagine 128
ISBN 9788896910399

 

Rolando Alberti, quasi quarantenne, è un pastore di oggi, già da bambino perso e insieme immerso con le sue capre nella vita dura delle sue aspre e ripide montagne, le Alpi Apuane. Quella realtà così diversa da quella che tutti ormai viviamo l’ha portato a scrivere, con fresca naturalezza, poesie potenti ed evocative come quelle dei poeti classici greci, poesie che si nutrono dei misteri della natura, fatti di creazione, morte ed eros. Poesie che, tra visioni, forti sentimenti e immagini che sembrano scolpite dalla roccia, ci dicono molto di noi, moderni e urbanizzati, perché “le cose di dentro”, in fondo, non sono mai cambiate. Un libro che ci permette di tornare a stupirci della forza della poesia: basta seguire passo passo Rolando, «per cogliere col suo stupore di bimbo quanto tutto questo sia “estremamente magico”».

 

Una recensione autorevole si può trovare sul sito

http://www.ilprimoamore.com/old/testo_2340.html a cura di Andrea Amerio.

Rolando Alberti

Rolando Alberti, poeta-pastore, scoperto da Enrico Medda, professore di Letteratura Greca all'Università di Pisa, e da Guglielmo Fiamma, autore televisivo, ancora prima di pubblicare (questo sarà il suo primo libro) ha impressionato la critica, e poeti e letterati del calibro di Luca Ragagnin ed Enrico Remmert.