Miraggi Baskerville è la nostra strada maestra di letteratura, italiana e dal mondo. È divisa in quattro collane:

  • Tamizdat. Col termine samizdat si indicavano, nel blocco comunista e in Urss, le opere straniere, per lo più occidentali, fatte circolare clandestinamente. Tamizdat erano i samizdat delle traduzioni: al suo interno Miraggi pubblica traduzioni di autori che difficilmente arriverebbero al lettore italiano, per contenuto scomodo, idee, tempismo, nonostante il valore letterario e culturale. 
  • Scafiblù. Così a Napoli venivano chiamate le imbarcazioni utilizzate per il contrabbando delle sigarette. Miraggi Scafiblù s’ispira all’idea di clandestinità di Tamizdat, ma è dedicata agli autori italiani che seguono vie non ordinarie e ortodosse, per stile e contenuti.
  • NováVlna. È la collana di letteratura ceca, in ceco significa “Nouvelle Vague”, straordinario periodo di libertà e creatività artistica negli anni della Primavera di Praga, di cui ricerchiamo la freschezza e la forza espressiva. Qui trovano spazio nuovi autori mai giunti in Italia e grandi classici, mai tradotti finora o in nuova traduzione, dopo essere stati dimenticati per troppi anni.
  • Janus|Giano. È la preziosa collana dedicata alle traduzioni con testo a fronte.