Boris Vian

Il principe delle notti di Saint-Germain-des-Prés

Golem,

7,9916,00

Un libro che mancava!

INTRODUZIONE di ROBERTO MERCADINI

Le collaborazioni illustri del Giangilberto Monti chansonnier e autore di testi sono innumerevoli. Dagli anni Settanta delle etichette indipendenti con Ricky Gianco e Ivan Cattaneo agli album pubblicati con CBS Italia, dallo Zelig degli anni Ottanta con Aldo e Giovanni (ancora in attesa di Giacomo) ai progetti con Flavio Premoli, Lella Costa, Rocco Tanica, Flavio Oreglio, Andrea Mirò e molti altri. Scrive canzoni per Anna Oxa, Fiordaliso e Mia Martini; porta in scena il repertorio di Dario Fo e inediti di Boris Vian, traduce in italiano le canzoni di Vian, Ferré e Gainsbourg…

Infaticabile, si dà anche alla scrittura e pubblica
il Dizionario dei Cantautori (Garzanti 2003-05, con Veronica Di Pietro), il Dizionario dei Comici e del Cabaret (Garzanti 2008), su Vian ha già pubblicato Boris Vian – Le canzoni (Marcos
y Marcos), ed è autore dei successi editoriali Maledetti francesi (NdA Press, 2010) e E sempre allegri bisogna stare (Giunti 2017). Con Miraggi ha pubblicato Romanzo musicale di fine millennio.

Con acquisto min. di 19€ SPEDIZIONE GRATUITA

Svuota
Data di pubblicazione 2018
Formato 14,5 x 21
Numero di pagine 192
ISBN 9788899815271

Questo è un docu-romanzo basato su fonti verificate e lunghe ricerche, che fa parlare i protagonisti di quegli anni come in un film. Dieci capitoli, e dieci canzoni di Boris Vian, tradotte dall’autore stesso e da lui cantate e incise. Con una nota sulla complessa vicenda editoriale di Vian, le contese sui diritti, l’eredità, a oggi non del tutto pacifica. Boris Vian è stato scrittore, poeta, autore di canzoni, musicista ma soprattutto genio di quell’epoca, e per anni il cuore e l’animatore delle notti parigine di Saint-Germain-des-Prés. Monti, da autore esperto sulla vicenda Vian e conoscitore musicale, ci racconta soprattutto la “vita da genio” del Vian musicista di quelle notti.

Giangilberto Monti

Le collaborazioni illustri del Giangilberto Monti chansonnier e autore di testi sono innumerevoli. Dagli anni Settanta delle etichette indipendenti con Ricky Gianco e Ivan Cattaneo agli album da cantautore pubblicati con la CBS (oggi Sony Music), fino allo Zelig degli anni Ottanta in veste di autore per molti dei loro comici e ai progetti teatrali-musicali con Flavio Premoli, Lella Costa, Rocco Tanica, Mauro Pagani, Flavio Oreglio, Steano Nosei e Andrea Mirò. Infaticabile e incontentabile, traduce e interpreta in italiano canzoni di Boris Vian, Léo Ferré e Serge Gainsbourg e si dà anche alla scrittura. Pubblica, per citare solo alcuni titoli, il "Dizionario dei Cantautori" (Garzanti 2003), firmato con Veronica Di Pietro e il "Dizionario dei Comici e del Cabaret" (Garzanti 2008). Porta in scena con il jazzista Paolo Tomelleri il repertorio musicale di Dario Fo ed è anche autore del successo editoriale di "E sempre allegri bisogna stare" (Giunti, 2017). Con Miraggi Edizioni ha pubblicato Romanzo musicale di fine millennio e "Boris Vian, il principe di Saint-Germain-des-Prés".

“Le acrobazie di Boris Vian”: la recensione di Lorenzo Mazzoni su ilfattoquotidiano.it

Da quando Boris Vian si affaccia sul mercato dell’arte, il suo nome o i suoi tanti pseudonimi, firmano canzoni, traduzioni,…

Boris Vian, chi era costui? La recensione di Stefano Fornaro per sulromanzo.it

In una miscela narrativa giornalistica e radiofonica il cantautore, comico e scrittore rivitalizza uno dei geni più antitradizionalisti e anarcoidi della…