Tutto dovrebbe essere migliore

Golem,

12,00

33 brevi brani, quasi pezzi musicali fatti solo di parole, piccoli apologhi moderni senza morale, che tentano la via della saggezza senza tempo, scavando nella fragilità per trovare un varco per non soffocare nella quotidianità.

Perché tutto dovrebbe essere migliore.

Data di pubblicazione 2018
Formato 14.5X21
Numero di pagine 112
ISBN 9788899815646

33 brevi testi di una lucidità disarmante, “pezzi” suonati con lo strumento del silenzio, dello sguardo e dell’ascolto rivolti verso di sé. Una giovane donna che affronta i propri paradossi, e quelli altrui. E trova dentro di sé tutto quello che serve per stare meglio, per tentare il cambiamento necessario, per non subirlo. Amore compreso.
33 momenti messi a fuoco nel flusso di immagini mosse e senza fine della realtà, 33 stanze imbottite che assorbono il rumore, il tempo e l’inutile somma di cose della quotidianità. Le parole diventano pensiero, piccoli apologhi senza morale, lampi di riflessione.
I titoli sono esemplari. Perché la cura di sé ha bisogno di tempo disteso.
Queste 33 piccole prose offrono al lettore soprattutto quello che è fuori campo. I romanzi possibili che si lasciano solo intuire.

 

Per conoscere meglio Alessandra Perna

https://www.youtube.com/channel/LUMINAL

 

Alessandra Perna

Alessandra Perna (Roma, 1982) è stata il basso e le urla della band punk rock romana dei LUMINAL, tra i gruppi più potenti e rumorosi della scena indipendente italiana, i Luminal hanno all’attivo, in dieci anni di carriera, quattro album in studio, due EP e centinaia di concerti in giro per Italia ed Europa. Autrice di interviste per “Impatto Sonoro”, scrive una rubrica su “Jaymag”. Ha pubblicato un libro di racconti, Non farti fregare di nuovo (Habanero 2015)