Francesca Maccani – Ambasciatrice Miraggi legge GRAND HOTEL – ROMANZO SOPRA LE NUVOLE di Jaroslav Rudiš

Francesca Maccani – Ambasciatrice Miraggi legge GRAND HOTEL – ROMANZO SOPRA LE NUVOLE di Jaroslav Rudiš

Miraggi è sempre una garanzia.
💗💗💗
Mi sono innamorata di questa voce narrante così incredibile, di questa storia così malinconica e per certi versi calviniana.
Fleischmann, il protagonista è un ragazzo orfano che da piccolo viene adottato da uno zio tirchio e senza scrupoli, abita nell’hotel dove lavora come factotum. Sta a 1012 metri sul livello del mare, sul monte Ještěd, dove finisce la terra e comincia il cielo. Veste in modo strano e pensa in modo ancora più strano. 

Visto che si parla di meteorologia, venti, nuvole, leggerlo che perturbazione ha scatenato in te?

Grand Hotel ha scatenato in me un forte temporale che poi ha lasciato spazio a un a pioggia leggera e nel finale a un cielo azzurro e spoglio di nuvole, esattamente in questa sequenza.

Se fosse un medicinale quale sarebbe?

Se Gran Hotel fosse un medicinale sarebbe uno di quei farmaci che non hanno effetto antidolorifico ma che annebbiano la mente. Più che un farmaco direi che questo romanzo somiglia ha un effetto collaterale. Non toglie il dolore ma ti fa perdere la testa in un mondo ovattato e piano di cose troppo strane per essere vere.

Consiglieresti leggerlo ad alta voce e perché?

Io preferisco sempre la lettura intima e silenziosa e nel caso di questo gioiello direi che va proprio assaporato in solitudine magari davanti a un caminetto scoppiettante. Ad alta voce leggerei qualcuno dei dialoghi surreali fra il protagonista e gli altri personaggi che gravitano attorno all’hotel.


Tre aggettivi per descrivere Grand Hotel – Romanzo sopra le nuvole?
I tre aggettivi che secondo me descrivono questo romanzo sono perturbante, onirico e indimenticabile

Ci consigli tre librerie che conosci, di fiducia, che ritieni importanti?

Tre librerie di riferimento dove acquisto io i libri sono Modusvivendi e Prospero Enoteca letteraria a Palermo e i Diari di Bordo a Parma

Francesca Maccani – Ambasciatrice Miraggi legge IL LAGO di Bianca Bellová

Francesca Maccani – Ambasciatrice Miraggi legge IL LAGO di Bianca Bellová

Ci siamo conosciuti a Palermo e ti regalammo questo libro, qual’è stata la tua esperienza di lettura con questo libro?
La casa editrice Miraggi sforna meraviglie. Quando mi capita fra le mani un gran bel lavoro, in genere lo capisco fin dalle prime pagine.
Così è stato per questo libro.

Clicca sul libro per maggiori info

“Il Lago” è un romanzo incredibile. È la storia di Nami, un ragazzino che viene cresciuto dai nonni e che si trova ad affrontare mille peripezie. Patisce fame e freddo e gliene capitano di tutti i colori.
Ma lui resiste.
E alla fine la sua tenacia viene premiata.
Nella sua ricerca mai paga dei genitori, passa attraverso un doloroso percorso di affrancamento e, suo malgrado, si scontra con un epilogo brutale. Quello del regime che in cerca di capri espiatori, insabbia le scomode verità e sacrifica i più deboli.
Sullo sfondo profumi e colori della campagna che sa di povertà, essenziale ma rassicurante.
Nami dopo la scomparsa dei nonni resta solo, viene picchiato e maltrattato da un sinistro personaggio che occupa con la sua famiglia la sua casa e che dovrebbe tutelarlo.
Il ragazzo si innamora della compagna Zaza, la quale una sera subisce violenza da due soldati russi.
Nami assiste allo stupro, salvo poi fuggire.
Il suo peregrinare è un continuo allontanarsi dai ricordi e dal dolore, unito alla spasmodica ricerca delle sue radici.
Nami lascia il villaggio natio e si avventura oltre l’amato/odiato specchio d’acqua.
Il lago, presenza che la popolazione locale personifica, diviene una sorta di totem o meglio di altare sacrificale al cui spirito le genti del posto fanno offerte e pagano tributi.
In questo lago il protagonista, a 3 anni rischia di affogare, a fine romanzo invece ci si immerge consapevolmente in una sorta di rito battesimale, chiudendo un cerchio che era rimasto aperto.

Un libro intenso, che ti afferra per il bavero e ti costringe ad aprire gli occhi sulle atrocità della politica e le nefandezze del regime sovietico.
Una penna pulita e impeccabile quella della Bellova.
Una prosa asciutta, spietata e marziale.
Da leggere assolutamente. Per chi ama la qualità. Lo consiglio a occhi chiusi perché merita davvero molto!

Che significato ha per te scegliere un nuovo libro da leggere?

Scegliere un libro nuovo da leggere per me è come conoscere una persona nuova che mi incuriosisce. Sembrerà pazzesco ma di solito io mi sento chiamare dai libri, scorro la mano sui nuovi arrivi e uno o due al massimo mi attirano, mi ci soffermo, li sfoglio e provo un’emozione particolare che mi fa dire “ok questo lo prendo”.A volte succede che io acquisti cinque o sei libri e alcuni rimangono mesi sul mio comodino prima che io li apra. Poi di colpo attirano il mio sguardo, anche dopo molto tempo e inizio a leggerli. Ogni libro che inizio mi emoziona, mi carica di aspettative, mi parla e mi insegna qualcosa.


Tre aggettivi che possano valere per tutti i libri di cui sei Ambasciatrice?
Originale, Incisivo, Coinvolgente.

A chi li consiglieresti? 
Da “influencer” in genere ci sono diverse persone che accolgono i miei consigli di lettura, amici e follower che mi leggono sulla pagina nella quale scrivo dei brevi post corredati con le fotografie delle copertine e di alcuni stralci. Ormai, col tempo, ho un discreto seguito e questa cosa mi rende davvero orgogliosa e felice.
Tre librerie di riferimento dove acquisto io i libri sonoModusvivendi e Prospero Enoteca letteraria a Palermo e i Diari di Bordo a Parma

Ci consigli tre librerie che conosci, di fiducia, che ritieni importanti?

Tre librerie di riferimento dove acquisto io i libri sono Modusvivendi e Prospero Enoteca letteraria a Palermo e i Diari di Bordo a Parma

Francesco Piperis – Ambasciatore Miraggi legge PONTESCURO di Luca Ragagnin

Francesco Piperis – Ambasciatore Miraggi legge PONTESCURO di Luca Ragagnin

Ci descrivi in di 10 righe questa tua esperienza di lettura?

“C’è tutto un paese con i suoi poveri, inconsapevoli infelici, che sta attendendo un contorno”. In questa cornice sociale si sviluppa il racconto che Luca Ragagnin ambienta nel paese immaginario di Pontescuro. Un luogo chiuso, ripiegato su se stesso, all’interno del quale i cittadini, sfruttati, repressi nelle loro intenzioni, riversano sugli innocenti Dafne e Ciaccio, davvero liberi, le loro frustrazioni. “Pontescuro” è una storia che ci racconta molto del presente, del nostro presente, abitato da uomini e donne che scelgono piazze virtuali per rigurgitare frustrazioni e solitudini invece di guardarsi dentro. La natura, viva, pulsante e dotata di parola, è testimone di tale violenta frustrazione, mostrando ancora una volta quanto sia pura al contrario dell’uomo, corrotto, dannato e incapace di empatia.

I personaggi socialmente accettati sono quelli più ipocriti: il prete, la perpetua, il fattore, il poliziotto, a conferma di un mondo che corre veloce verso il baratro. Perché, come si legge, se ancora oggi come negli anni Venti, “tutti sanno tutto di tutti, è anche vero che questa particolare condizione consente di proteggere un segreto o un peccato inconfessabile nel nascondiglio migliore: davanti agli occhi dei compaesani, dritto sulle loro facce, come una gelata improvvisa”.

Perché consiglieresti a qualcuno di leggere questo libro?
Perché “Pontescuro” ci guarda negli occhi e ci racconta, con metafore, neanche troppo tali, il presente e ci esorta a superare il qualunquismo, il falso e confortevole senso comune, il disimpegno, la mancanza di empatia.

Definisci questo libro con un aggettivo?
Avvolgente.

Se ritieni opportuno, pensi che questo libro sia utile leggerlo a scuola?
Potrebbe essere utile sollecitare gli studenti in un esercizio di immedesimazione con i personaggi, in un lavoro di confronto con la società presente.

Ci consigli tre librerie che conosci, di fiducia, che ritieni importanti?

Sicuramente La Gang del pensiero, ho ricordi bellissimi de La Feltrinelli di Bari e per dirne una terza per il tour teatrale di Pert, sospeso dopo la prima tranche in Sicilia, direi la Libreria La Paglia di Catania.

Antonio Fragassi – Ambasciatore Miraggi legge IL LAGO di Bianca Bellová

Antonio Fragassi – Ambasciatore Miraggi legge IL LAGO di Bianca Bellová

Ci racconti in poche righe la tua impressione di lettura?

Metafora della vita che attrae e respinge, espelle o avvolge fino a risucchiare l’esistenza umana, “Il lago” può essere considerato un romanzo di formazione, una sorta di Bildungsroman, nel solco della tradizione mitteleuropea, della quale l’autrice, Bianca Bellová, fa parte a pieno titolo. Scrittrice ceca, cinquantenne, della generazione nata dopo la fine della Primavera di Praga e l’inizio della restaurazione sovietica a suon di carri armati, la Bellová dà una prova di pregio con questo romanzo incentrato attorno alla figura di Nami, un bambino costretto a crescere in fretta in mezzo a un mondo prima sconosciuto poi ostile, quindi ad affrontare da solo le incognite della vita sino a raggiungere, faticosamente e attraverso prove cruente, la maturità. Anche la scansione del volume, 180 pagine dense di emozioni e tensioni suddivise in quattro grossi capitoli, conferma che la natura de “Il lago” è quella del romanzo di formazione con un preciso richiamo al mondo animale: Uovo, Larva, Crisalide e Imago sono il titolo dei capitoli nei quali si snoda l’avventura umana di Nami, con un richiamo neanche tanto nascosto alla metamorfosi che accompagna l’evoluzione da fanciullo a uomo che Nami porta a compimento dopo prove cruciali, che ne segnano indelebilmente il carattere. A un secolo pieno di distanza dall’uscita del capolavoro di Franz Kafka (1915), la letteratura boema ci regala con “Il lago” (2016) un’altra versione del tema della metamorfosi, ma l’accostamento non può andare oltre l’iniziale metafora animale-uomo perché la natura dei due romanzi differisce in tutta la sostanza tematica e narrativa. Se sia in un caso che nell’altro, l’individuo deve fare i conti con un mondo ostile, in Franz Kafka la lotta si risolve nella sconfitta dell’uomo attraverso l’annientamento fisico e psicologico, mentre in Bianca Bellová l’esito è il riscatto del bambino divenuto uomo che riesce a sconfiggere le forze avverse. 

Qual’è secondo te il messaggio questo libro?

Non è il classico happy end, quello della Bellová, ma comunque un messaggio di riscatto che segnala “Il lago” tra le opere letterarie destinare a “rimanere” in questo scorcio iniziale di Terzo Millennio.

Definisci questo libro con tre aggettivi?

Tenero, crudo, surreale.

Pensi sia utile far leggere nelle scuole questo libro?

Penso sia utile far leggere questo libro alle scuole, per la parabola che disegna e perché è un modo per raffrontare la nostra società con quella di un paese ex sovietico. Se fosse un medicinale sarebbe un eccitante, uno stimolante, tipo integratore!

Antonio è legato alla libreria On The Road di Montesilvano (PE)

Manuela Barban – Ambasciatrice Lettrice Miraggi legge GRAND HOTEL – ROMANZO SOPRA LE NUVOLE di Jaroslav Rudiš

Manuela Barban – Ambasciatrice Lettrice Miraggi legge GRAND HOTEL – ROMANZO SOPRA LE NUVOLE di Jaroslav Rudiš

Fleischman, nato il 21 settembre 1973, vive e lavora come tuttofare nell’hotel sulla collina. È un uomo solitario che ha subito diversi traumi e per questo è seguito da una psicologa, inoltre è pieno di manie e con una passione maniacale per la meteorologia. Fleischman racconta la sua storia perché glielo ha chiesto la dottoressa. Per 217 pagine il lettore diventa una specie di amico invisibile di Fleischman con cui lui condivide i pensieri e la sua visione della realtà e racconta la sua storia o meglio, le diverse versioni della sua storia. Di fianco a lui si muovono personaggi memorabili come Jégr, il proprietario dell’hotel o Franz un anziano ospite che coinvolge Fleischman nella sua missione e Ciuffo, un vecchio compagno di scuola di Fleischman. Ci sono poi Zuzanna che lavora in hotel e Ilja la ragazza di Ciuffo con cui Fleischman ha un rapporto complicato.
La storia è contemporaneamente avvincente e piena di nostalgia ed è narrata con ritmo.

Quale momento della storia, se c’è, hai fatto tuo? C’è qualcosa in cui ti sei riconosciuta?
Il “click” è scattato a pagina 16: […] il Torino vince contro il Manchester United con lo sbalorditivo punteggio di 4:0. Ecco, ho pensato, in questa storia ci sarà una forte componente epica.

Se fosse un farmaco questo romanzo cosa sarebbe? E pensando al suo bugiardino potresti indicarne la posologia?
Immunostimolante, da prendere in un’unica soluzione.

D’ora in poi vivrai il meteo in modo diverso? Guarderai di più il cielo ed i venti?
Il meteo è una cosa fatta di numeri, che non amo e di cui non riesco a vedere la poeticità. Continuerò a non guardarlo e a farmi sorprendere la mattina da quello che vedo dalla finestra.

Descrivi questa storia con 3 aggettivi?
Autistica, nostalgica, ventosa.

Tre librerie che sono il tuo riferimento per gli acquisti e che consigli?
Le mie tre librerie sono: Pantaleon, Trebisonda e la Gang del pensiero.

Patrizio Zurru – Ambasciatore Lettore Miraggi legge UNO DI NOI di Daniele Zito

Patrizio Zurru – Ambasciatore Lettore Miraggi legge UNO DI NOI di Daniele Zito

Dieci righe non basterebbero a descrivere Uno di noi, il nuovo romanzo di Daniele Zito, a meno che non si cerchi di comprimere il petto e si miri subito all’obiettivo, la straordinaria capacità linguistica dell’autore, le possibilità che riscopre con l’uso di strutture evidentemente “Fuori uso”, fuori dalla norma, che poco o niente spazio troverebbero oggi sul mercato.

L’uso della tragedia greca come arma di tensione, come struttura che avvicina e ti tiene sotto minaccia per tutta la durata della lettura, e tu non puoi, ma già immediatamente non vuoi sottrarti a quest’arma insolita che ti tiene attento agli sviluppi.

La trama è presto detta, come scritto sulla quarta e sul sito dell’editore: Quattro amici di vecchia data, alla fine di una partita di calcetto, decidono di dare fuoco a una baraccopoli. Lo fanno così, senza una ragiona precisa, spinti dall’euforia del momento. Purtroppo, il loro gesto si trasformerà in tragedia.
Il drammatico evento lascia su tutti i personaggi coinvolti tracce indelebili, Uno di noi ne è il resoconto, senza escludere nessuno, né le vittime, né i carnefici.

Brutto scoprire che ognuno di noi è Uno di noi.

Sappiamo bene che ogni medicinale ha una posologia, questo come   dovrebbe essere assunto secondo te?   Posologia: Una lettura al giorno, due capitoli, da ripetersi fino alla guarigione.

Ogni nostro lettore ambasciatore ha una libreria di riferimento la tua qual’è nella città in cui risiedi? O ce ne sono più di una?   Le mie tre preferite a Cagliari: UbiK via Sonnino, Bastione Piazza Costituzione e Mieleamaro via Manno

Ci racconti un aneddoto che ti lega all’autore?   Per il compleanno la moglie mi ha chiesto un video di auguri, e io l’ho registrato seduto al cesso. Credo abbia gradito lo sforzo.

Tre aggettivi per descrivere UNO DI NOI?  Necessario, Forte, Sconvolgente. 

Luca Quarin – Ambasciatore Miraggi legge Pontescuro di Luca Ragagnin

Luca Quarin – Ambasciatore Miraggi legge Pontescuro di Luca Ragagnin

Ci racconti in dieci righe la tua prima impressione di lettura?

1922, un punto imprecisato della bassa padana, a ridosso del Po. Una ragazza di nome Dafne, la figlia del signorotto locale, viene trovata morta in un fossato. La nebbia, il fiume, la ghiandaia, la blatta, sanno chi è stato a ucciderla. Il lettore lo scopre pagina dopo pagina, accompagnato dalla scrittura musicale di Luca Ragagnin. Un romanzo che sembra una ballata di Nick Cave o di Mark Lanegan o di P.J. Harvey, dove una pulsazione sorda scuote tutti i personaggi, facendo emergere l’oscurità nascosta dentro di loro. Oppure un dipinto di Bacon, o di Kirchner o di Clemente, dove il pennello dell’autore rende visibile quello che attendeva sotto la tela di essere smascherato. Un romanzo con dentro un altro romanzo. Un racconto scuro che contiene un racconto ancora più scuro, quello delle paure che non sappiamo come affrontare, delle miserie che cerchiamo di nascondere, dei vizi che vorremmo lontani da noi.

Perché consiglieresti di leggere questo libro?

E’ una fiaba che ha la forza della verità.

Definisci questo libro con un aggettivo?

Ipnotico

Pensi sia utile far leggere nelle scuole questo libro?

Un libro perfetto per far comprendere ai ragazzi come il male possa annidarsi anche nelle relazioni sociali, nei rapporti familiari, nelle abitudini consolidate, e sia necessario guardare le cose da lontano, come la blatta e la ghiandaia, per intravedere in mezzo alla nebbia il riflesso maligno della verità.